Caprotti, Bombassei e Del Vecchio. Quando il capitalismo familiare s'inceppa

Pubblicato il da blucobalto1982

Caprotti, Bombassei e Del Vecchio. Quando il capitalismo familiare s'inceppa

Giovedì, 3 maggio 2012 - 13:24:00
Bernardo Caprotti

C'è chi ha già sistemato tutto per tempo e si gode i frutti della sua previdenza, chi si sta muovendo solo ora con qualche incertezza e chi proprio non ci pensa o si trova ad affrontare una situazione conflittuale: il capitalismo familiare italiano appare comunque in piena trasformazione non solo e non tanto per la recessione in atto quanto per un avvicendamento generazionale in corso già da qualche anno e che la crisi potrebbe semmai accelerare ulteriormente.

Del resto anche un recente studio di Alessandro Minichilli e Guido Corbetta (docenti del Dipartimento di Management e Tecnologia dell'Università Bocconi), condotto assieme a Danny Miller, docente di HEC Montreal, ha ribadito che non esistono leader per tutte le stagioni e che quelli di famiglia funzionano meglio nelle aziende piccole e saldamente controllate. Con la crescita e la dispersione della proprietà, le aziende familiari devono dunque essere capaci di adattare la loro struttura di leadership ed è esattamente questo il processo che stanno attraversando molti dei maggiori gruppi italiani leggi il seguito su : http://affaritaliani.libero.it/economia/capitalismo-familiare-benetton03052012.html

Con tag notizie

Commenta il post